18/08/2017 - Ci sono utenti collegati.  
Castel Azzara sul Monte Amiata
Montegiovi
Home Cultura Borghi Storici Montegiovi
 

Montegiovi

(Montegiovi con sullo sfondo la val D'Orcia)

 

  E' ubicato su un poggio roccioso, lambito alla base dai corsi d’acqua del Lente, della Zancona e del Vivo. Del castello di Montegiovi si hanno notizie fin dagli inizi del ’200. Nel 1368 era in possesso di Cione Salimbeni di Siena e nel XV secolo fu attribuito in dote ad Antonia, figlia di Cocco Salimbeni, in occasione del matrimonio con Francesco Casale, signore di Cortona. Rimasta vedova, Antonia si rimaritò nel 1409 con il capitano Sforza di Cotignola e a Monte Giovi partorì Buoso, da cui discesero i conti Sforza di Santa Fiora. Successivamente il castello fu conquistato dalla Repubblica di Siena. Passò poi al marchese Filippo Niccolini, alla famiglia Bardi e al marchese Girolamo Bartolomei. Dopo l’abolizione dei feudi granducali, Monte Giovi passò alla giurisdizione civile di Castel del Piano. Dell’antico castello rimangono poche tracce, tra le quali un torrione poligonale e una porta ad arco; accanto, la chiesetta di S. Elena, che risale probabilmente all’XI secolo d.C., con un piccolo campanile a vela. Altri edifici religiosi significativi sono la Chiesa plebana di S. Martino, che contiene cinque tele attribuite ai Nasini, e 1’Oratorio della Madonna degli Schiavi, all’entrata del borgo, in prossimità dell’imbocco della antichissima Vi’ Siena. Per questa strada passò anche S. Caterina da Siena, dopo aver fatto tappa in una casetta del paese, dove, a memoria, è murata una lapide di marmo.