26/06/2017 - Ci sono utenti collegati.  
Monte Amiata in Toscana
Lungo la via Francigena
Home Cultura La Via Francigena
 

La via Francigena

(La Rocca di Radicofani in una China dell'800)

Sono state le celebrazioni per il Giubileo del 2000 a far ridiventare famosa la Via Francigena, la più importante delle arterie medievali che conducevano i pellegrini verso Roma. In Francia la strada era nota come "Route des Flandres o Chemin des Anglais", il percorso utilizzato dai fiamminghi e britannici.

In Italia era chiamata via Francigena o Francesca ("che arriva dalla Francia")o via Romea ("che conduce a Roma").

Il tracciato - di cui conserviamo la dettagliata descrizione del 994 redatta da Sigerico,arcivescovo di Canterbury - misurava quasi esattamente mille miglia, pari a milleseicento chilometri, e richiedev aun'ottantina di giorni di cammino ai pellegrini appiedati. Un cavaliere poteva farcela a in un mese.

Dalla costa della Manica la strada traversava le Fiandre verso Arras e Laon, toccav Reims con la sua grandiosa cattedrale, proseguiva tra le colline della Franca Contea verso Pontarlier e il Giura. scavalcate le alpi al Gran San Bernardo la strada toccva Ivrea, Novara e Pavia, raggiungeva Parma, traversava l'appennino scendendo Pontremoli e Lucca.dopo aver traversato l'Arno e Fucecchio, il tracciato si dirigeva a sud verso San Gimignano e Siena e dopo aver sfiorato l'Amiata, la Francigena saliva a Radicofani, costeggiava il lago di Bolsena, proseguiva per Montefiascone, Viterbo e Sutri.

Dalla vetta di Monte Mario i pellegrini potevano finalmente vedere il Tevere e la Basilica di San Pietro.

Dopo la sosta a Roma (Sigerico visitò 23 tra chiese e basiliche) alcuni pellegrini ripartivano verso casa, altri proseguivano in direzione del santuario di Monte Sant'Angelo e dei porti pugliesi,da cui si imbarcavano per la Terrasanta .